pannello-riflettente

Come usare un pannello riflettente

Nei backstage dei fotografi professionisti (ma spesso è usato anche da amatori) vediamo che oltre a luci, flash, ombrelli ecc ecc, sono presenti anche i cosiddetti pannelli riflettenti. Partiamo dalle basi e cerchiamo di capire, con parole semplici di cosa stiamo parlando.

Il panello riflettente è non è altro che una superficie utilizzata per illuminare l’oggetto fotografato con la luce riflessa dalla sua stessa superficie, in pratica riflette la luce e schiarisce le ombre.

Grazie al pannello riflettente è possibile illuminare il viso del soggetto del ritratto, Illuminare l’oggetto nella fotografia o un dettaglio della stessa, ottenere l’effetto cromatico appropriato perché il colore della luce riflessa dipende dal tipo di riflettore utilizzato.

Esistono varie tipologie e dimensioni di pannello riflettente, ma quale scegliere?

Nella fotografia di ritratto, (dove ci si concentra in particolare sul viso), vengono spesso utilizzati riflettori rotondi con un diametro di 60-80 cm, oppure un pannello ovale con una dimensione di 60/90 oppure 90/120 cm.

Un pannello ovale / rettangolare funzionerà bene nella fotografia di figure intere o di grandi oggetti sarà sufficiente un pannello da 120/180 cm, tuttavia, sarebbe meglio utilizzare un pannello da 150/200 cm..

Il riflettore triangolare è perfetto per i ritratti o per gli oggetti piccoli di 30-40 cm

Quale colore utilizzare e per quale motivo?

Il pannello riflettente bianco non modifica la temperatura del colore della luce. Dona una luce diffusa, e quindi morbida, utile quando si vogliono ammorbidire le linee del viso.

Il riflettore argento dà una luce più dura. Se posizionato correttamente, può sostituire la fonte di luce principale. La superficie argentata regala riflessi interessanti e allo stesso tempo raffredda la temperatura della luce. Attenzione! con il riflettore argento si evidenziano le rughe.

Il pannello riflettente dorato, come quello argentato, dà una luce dura e calda, dona riflessi interessanti e può nascondere leggermente le rughe.

La superficie trasparente bianca è un diffusore che serve principalmente a diffondere la luce direzionale rendendola più morbida. Il diffusore sopprime la luce senza modificarne la temperatura del colore.

Il pannello nero assorbe la luce, interrompendo il suo flusso verso l’oggetto fotografato. Viene utilizzato principalmente per approfondire le ombre, separare il modello dalla fonte di luce indesiderata o come piano per proteggere l’obiettivo dalla luce in entrata.

Esistono poi in commercio pannelli set 5 in 1 come quelli che in pratica offrono superfici bianche, argento, oro, trasparenti e nere.

Come si usa il pannello riflettente?

Il pannello va sistemato in posizione opposta alla luce affinché quest’ultima venga riflessa e illumini anche l’altra parte del soggetto senza però metterlo troppo vicino e poi la luce non deve mai essere frontale ma leggermente laterale (circa a 45 gradi) perciò continua a spostarlo fin quando non spariscono le ombre dal soggetto.

Non è sempre vantaggioso utilizzare il riflettore argento dal basso perché in questo modo si evidenziano maggiormente le rughe. In questi casi è meglio utilizzare il riflettore bianco senza alzarlo troppo, altrimenti si noteranno delle brutte ombre sotto il naso del soggetto.

Quando si fotografa all’esterno, il pannello è molto utile nella fotografia del ritratto in controluce, cioè quando il soggetto si trova con il sole alle spalle. In questo caso il pannello serve a schiarire le ombre in primo piano.

Prima di utilizzare il riflettore osserva come la luce colpisce i tuoi soggetti e l’ambiente circostante. Pensa a quali aree vuoi schiarire e quale effetto di colore vuoi ottenere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top