La fotografia per il sociale

La protezione degli animali è un  tema molto caro in questo periodo, soprattutto a seguito dei maltrattamenti ai quali vengono sottoposti molti di essi. Se ne parla sempre troppo poco o per nulla, per tale motivo è utile fare riferimento all’arte di scattare foto agli animali che necessitano di protezione. E sono tanti gli animali in questione ritratti da considerevoli fotografi.

I primi ritratti sono i cammelli e i dromedari, descritti come mammiferi che vivono in habitat diversi che si estendono dalla Mongolia ai deserti del Medio Oriente, dell’Australia e riescono a sopravvivere anche oltre i 50 gradi. Ad essi ,seguono le renne le quali possono osservate attraverso paesaggi meravigliosi, unendo la passione per i viaggi a quello degli animali. Poi sono presenti i coccodrilli cubani, inquadrati mentre afferrano la loro preda sugli alberi, come descritto dalla pagina di Fotografia.it .

Un altro tema trattato è quello dei cani che vengono impiegati nella lotta contro il bracconaggio, dando dunque un valido contributo nella salvaguardia dei leoni. Il merito è dovuto a Daryl Pleasants il quale ha ideato un’organizzazione che seleziona i cani per aiutare le guardie forestali in Kenya, Zimbabwe, Tanzania e Mozambico. Segue un altro argomento molto particolare, che raffigura le diverse modalità di riposo degli animali. Infine, un’altra chicca concerne lo svelamento dei segreti di come fotografare i cani in movimento.

Le foto che acquistano  un importante valore simbolico. La fotografia concepita anche come valore sociale. Le mille particolarità di un’arte in continua evoluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top