nikon_z6_

Recensione Nikon Z6, la miglior Mirrorless per video

Nikon ha deciso da poco di scendere in campo seriamente nel mondo delle fotocamere Full Frame mirrorless, ma con le due Z6 e Z7 si può dire che ha lanciato il guanto di sfida all’azienda leader del segmento, la Sony.

La Nikon Z7 da 45,7 megapixel (destinata a chi ama paesaggi e al ritratto) assomiglia molto alla straordinaria A7R III da 42,4 megapixel di Sony ma non c’è dubbio che anche il modello “meno performante” la Nikon Z6 dotata di 24.5 megapixel sembra essere molto simile alla Sony A7 III da 24,2 megapixel . Entrambe le fotocamere Z-Mount costano quasi lo stesso delle loro antagoniste Sony e offrono funzionalità molto simili, come la stabilizzazione del corpo e il video 4K full-sensor.

Dopo aver lanciato dunque la Z7, una mirrorless ad alta risoluzione e dal costo elevato, Nikon ha svelato la Z6, definita come la migliore fotocamera mirrorless full-frame disponibile sul mercato per i video che offre una sensore full-frame per video 4K super nitidi a 1080p e fino a 120 fps.

Sebbene la selezione di obiettivi nativi sia ancora limitata è possibile adattare qualsiasi lente DSLR F-Mount (acquistando  un adattatore opzionale) La qualità e i colori che offre del sensore da 24,5 megapixel sono eccellenti e le immagini e i video sono più nitidi e fluidi grazie alla stabilizzazione a 5 assi nel corpo. Dall’altra parte la messa a fuoco rispetto alle concorrenti Sony è un po più lenta e la presenza di un unico slot per SD limitativa.

 

Il corpo della Nikon Z6, il layout dei pulsanti e la struttura dei menu sono identici a quelli della Z7, offrendo una grande ergonomia. La Z6, in particolare è  e una grande presa che gli shooter DSLR – in particolare i professionisti con obiettivi grandi e pesanti – apprezzeranno. Allo stesso tempo, è notevolmente più piccolo e più leggero rispetto a reflex analogici come il D850 o il D750 di Nikon. Ciò significa che può fungere da fotocamera di strada, turismo, fotografia o paesaggio.

Tutti i comandi, dall’interruttore di accensione al joystick del punto di messa a fuoco, sono esattamente dove ti servono. Se sei abituato alle fotocamere Nikon, sarai a casa. Forse l’unico segno nero è sul sistema di menu, che ho trovato un po ‘troppo complesso. Devi fare molto scorrimento per trovare determinati oggetti, e non sono sempre dove ti aspetteresti. La soluzione migliore è programmare i menu e i pulsanti Q in modo che raramente sia necessario immergersi nei menu.

La Z6 è dotata di un mirino elettronico (EVF) eccellente, che fornisce un’immagine chiara grazie al display OLED da 3,69 milioni di punti, con ingrandimento 0,8 volte. Tuttavia, la frequenza di aggiornamento di 60 Hz è inferiore rispetto alle fotocamere concorrenti e crea un certo ritardo durante l’uso. Come con la Z7, quando si scatta a raffica, spesso si ha difficoltà a stare al passo con la fotocamera.

Forse il più grande difetto della Nikon Z6, così come per la Z7, è la mancanza di un secondo slot per le schede di memoria. Probabilmente Nikon ha deciso di attenersi a un singolo slot per mantenere basso il prezzo, ma il suo principale rivale, Sony A7 III, ha due schede SD (anche se solo una è la più veloce di tipologia UHS II). Nikon ha anche scelto di utilizzare schede XQD, che offrono velocità superiori a 400 MB / s, ma sono più costose e difficili da trovare. In futuro ci potrebbe essere un’ulteriore opzione se Nikon supporterà le schede CFExpress tramite un aggiornamento del firmware, offrendo ancora più velocità.

Attualmente Nikon ha promesso di realizzare obiettivi Z-Mount più nitidi, veloci e leggeri rispetto a quelli per DSLR. anche se ad oggi, non ha una grande scelta, visto che esistono solo tre modelli sul mercato: zoom 24-70mm f / 4 S, grandangolo 35mm f / 1,8 S e standard 50mm f / 1,8 prime.

Fortunatamente, entro il 2020, arriveranno 13 obiettivi Z-Mount. In ogni caso è possibile acquistare l’adattatore FTZ che permette di utilizzare uno qualsiasi degli attuali vetri F-Mount di Nikon con vari gradi di compatibilità.

Nikon-Z6

Prestazioni

Considerando che ha quasi la metà della risoluzione della Z7, è sorprendente che la Z6 subisca alcuni degli stessi problemi di prestazioni. Le velocità di scatto a raffica sono un po ‘più veloci (12 fps rispetto a 9 fps), ma solo 5,5 fps con messa a fuoco automatica continua attivata. Con dimensioni di file molto più piccole su Z6, tuttavia, è possibile almeno catturare più fotogrammi prima che il buffer si riempia (47 rispetto a 26 JPEG). Tuttavia, questa è ancora una frazione dei 163 frame che è possibile acquisire con Sony A7 III.

La Z6 somiglia alla Z7 anche per altre caratteristiche: L’autofocus funziona alla grande finché il soggetto non si muove molto. Durante le riprese d’azione, però, il sistema di tracciamento può perdere il soggetto e concentrarsi sullo sfondo, invece, rovinando il tiro. Ad ogni modo sembra che la Z6 abbia prestazioni AF leggermente superiori rispetto alla Z7, probabilmente perché ci sono solo 273 punti di rilevamento di fase e contrasto invece di 497. Come con la Z7, l’EVF occasionalmente si spegne quando si scatta a raffica, rendendo quasi impossibile seguire soggetti in rapido movimento.

Per soggetti che non si muovono molto, l’autofocus funziona molto bene. Sfortunatamente, Nikon non offre l’autofocus eye-tracking, quindi si sta girando a tutta apertura con una ridotta profondità di campo, puoi finire con il naso a fuoco e gli occhi fuori fuoco. E sfortunatamente per la Nikon, la Sony A7 III ha fissato uno standard elevato con una messa a fuoco oculare incredibilmente precisa. Il rilevamento degli occhi su EOS R non è eccellente, ma almeno Canon ha la funzione.

La stabilizzazione del corpo (che Nikon chiama riduzione delle vibrazioni o VR) rivaleggia e, in alcuni casi, batte anche la A7 III perché la montatura più ampia offre più spazio per lavorare. E, naturalmente, l’altra principale competitor mirrorless full-frame di Nikon in questo momento, la Canon EOS R, non ha affatto la stabilizzazione del corpo. Quindi i fotografi Nikon Z6 traggono vantaggio dalla stabilizzazione con qualsiasi obiettivo

Anche la durata della batteria è molto buona. Mentre Nikon dichiara solo 310 scatti per carica quando si utilizza l’EVF e 380 con il display posteriore, è possibile invece ottenere tra 600-700 scatti con una carica e  girare video per circa 85 minuti arrivando fino a due ore. Per avere più autonomia è in sviluppo un battery grip.

Qualità dell’immagine

La Z6 ha un sensore simile alla Z7 ma con una risoluzione inferiore e un filtro anti-alias. Ciò significa che mentre le immagini non sono così nitide come la sorella maggiore, la Z6 ha prestazioni migliori in condizioni di scarsa illuminazione. (La risoluzione più bassa aiuta anche il video)

E’ possibile scattare foto di notte a ISO 12.800 senza sudare troppo per il rumore eccessivo e ottenere comunque immagini utilizzabili fino a ISO 25.600 su RAW con qualche post-elaborazione.

Questo tipo di raggio offre molte opzioni quando si scatta di notte, soprattutto se non si dispone di un obiettivo veramente veloce – e non lo si farà se si hanno solo obiettivi Z-Mount nativi Nikon.

Complessivamente, la Z6 è una delle migliori fotocamere low-frame full-frame in circolazione.

Come con altre fotocamere Nikon, la Z6 restituisce colori fedeli e le immagini nitide e senza artefatti. I toni della pelle sono particolarmente buoni, cosa che ti aspetteresti da un marchio ampiamente utilizzato dai fotografi professionisti.

In RAW si raggiunge fino a 14 bit per colore (persino a ISO 6400),e i 12 stop di gamma dinamica aiutano a domare le immagini scattate nei giorni di sole o in altre situazioni estreme di oscurità / luce. Nel complesso, la qualità delle immagini è quasi alla pari con la Sony A7 III, che è un complimento per una fotocamera nuova di zecca.

Nikon-Z6

Video

Un’altra area in cui Nikon ha copiato la Sony – ed è stato intelligente a farlo – è quella dei video. Molto simile alla A7 III rispetto alla A7R III, la Z6 ha in realtà una migliore capacità video rispetto alla sorella Z7 più costosa. Questo perché la Z6 può sfruttare completamente il sensore e ottenendo un video 4K eccezionalmente nitido.

Con la Z6, non solo si ottengono video più nitidi, ma è possibile trarre vantaggio dall’eccellente capacità in caso di scarsa illuminazione . Ciò lo rende più pratico come macchina da presa per documentari o cinema, in quanto non c’è bisogno di molte luci per scattare di notte, né obiettivi veloci per far risaltare i soggetti sullo sfondo.

Nonostante la pignoleria del sistema di messa a fuoco automatica durante il monitoraggio di soggetti per foto, la Z6 ha un’eccellente capacità video AF. Non è abbastanza buono come il sistema Dual Pixel di Canon, ma penso che sia altrettanto buono dell’offerta Sony sull’A7 III. E a differenza della Canon EOS R, la Z6 ha la stabilizzazione nel corpo, rendendo le riprese a mano un po ‘più facili, soprattutto per gli utenti non professionisti. Rende anche più facile l’uso con obiettivi Nikon non stabilizzati e persino i modelli manuali non elettronici apprezzati dai cineasti.

Da segnalare che il display touch posteriore sulla Z6 può essere solo inclinato verso l’alto o verso il basso e non ruotato intorno. Sfortunatamente non risulta pratico per le videoregistrazioni o le operazioni di video one-man-band. La rivale EOS R di Canon ha uno schermo completamente articolato come i famosi modelli GH5 / GH5 di Panasonic.

Conclusioni

Con la Z6, Nikon ha deciso di contrastare la Sony nel segmento mirrorless; Anche se non ci è riuscita, è comunque un debutto impressionante. L’A7 III ha prestazioni di messa a fuoco automatica migliori e inoltre ha una qualità dell’immagine superiore, specialmente in situazioni di scarsa illuminazione. Sony ha anche una selezione più valida di obiettivi nativi.

Tuttavia, la Z6 è in realtà una fotocamera migliore nei video, offrendo funzionalità comparabili, autofocus e qualità video, ma aggiungendo video 10: 4: 2: 2 tramite l’uscita HDMI esterna. E mentre entrambe le fotocamere hanno la stabilizzazione all’interno del corpo, la fotocamera Nikon potrebbe avere un leggero vantaggio, grazie al supporto più grande.

La selezione delle lenti di Nikon è limitata finora, ma il potenziale del supporto Z è enorme. Uno dei prossimi modelli sarà il modello Noct-Z con un’apertura stellare da f / 0.95, e Nikon avrà 13 obiettivi in ​​totale entro il 2020.

La A7 III e la Canon EOS R sono le maggiori competitor della Z6 per le fotocamere full-frame mirrorless, almeno per ora, visto che Panasonic rilascerà presto le sue fotocamere mirrorless full-frame (modelli a 24 e 47 megapixel, rispettivamente S1 e S1R).

 

www.engadget.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top